OMS e System Center: novità di Agosto 2018

Sorgente: ugisystemcenter.org | Autore: Francesco Molfese

Nel mese di agosto sono state annunciate, da parte di Microsoft, un numero considerevole di novità riguardanti Operations Management Suite (OMS) e System Center. La nostra community rilascia mensilmente questo riepilogo che consente di avere una panoramica complessiva delle principali novità Continua a leggere OMS e System Center: novità di Agosto 2018

Leggi il resto dell'articolo su: http://www.ugisystemcenter.org

Nakivo Backup & Replication 8.0 con Site Recovery automatico

Sorgente: Nolabnoparty | Autore: Paolo Valsecchi

Nakivo Backup & Replication 8.0 con Site Recovery automatico

Nakivo ha rilasciato Nakivo Backup & Replication 8.0, una major release che include la nuova funzione di Site Recovery automatico per garantire la disponibilità 24/7. Nakivo Backup & Replication è una soluzione molto vantaggiosa per la protezione degli ambienti Hyper-V, VMware ed AWS EC2. Senza l'aggiunta di nuovi costi, la versione 8.0 garantisce una disponibilità 24/7 del proprio ambiente virtuale orchestrando le attività di disaster recovery. Il punto cruciale di un piano di disaster recovery è assicurare la disponibilità dei dati con il minor RTO possibile per il ripristino delle VM problematiche. Per raggiungere questo obbiettivo, i piani di DR devono essere controllati e verificati regolarmente per garantire la read more

Leggi il resto dell'articolo su: https://nolabnoparty.com

La LinuxFoundation vuole cambiare il networking che conosciamo mediante ONAP e DPDK!

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Raoul Scarazzini

Attraverso un elevatissimo numero di collaborazioni tra vedor, operatori di settore, provider e utenti stessi la Linux Foundation vuole portare le reti informatiche verso nuovi e inediti orizzonti. I progetti si chiamano rispettivamente Open Network Automation Platform (ONAP) e Data Plane Development Kit (DPDK) e come racconta Will Townsend in questo post sono destinati a lasciare il segno nell’ambito delle tecnologie open dedicate al networking. L’ambito operativo di ONAP è prevalentemente quello dei servizi Voice e di telefonia in generale, tant’è che tra i primi collaboratori al progetto troviamo AT&T, Verizon, China Mobile e Orange che mediante proof of concept e test in ambiti realistici stanno contribuendo a mettere a punto la tecnologia. Per quanto riguarda DPDK il fulcro del progetto riguarda la velocità. Inizialmente promosso da Intel, il progetto si pone come obiettivo l’abbassamento delle latenze sulle connessioni mobili e più in generale su ogni tipo di connessione. Come scrive Towsend: Over 25 companies and 160 technologists are involved in advancing the effort. Più di 25 aziende e 160 tecnici sono coinvolti nell’evoluzione del progetto. Perciò non è di piccoli numeri o coinvolgimenti che stiamo parlando, il risultato di tutto questo sarà disponibile per tutti: maggiori velocità, performance e [...]

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org

Vulnerabilità 0-day in Windows 10/Windows Server 2016 – Advanced Local Procedure Call (ALPC) Local Privilege Escalation

Sorgente: DevAdmin Blog | Autore: Ermanno Goletto

Il 27 agosto 2018 il ricercatore di sicurezza noto su twitter con account @SandboxEscaper ha rpubblicato i dettagli di una vulnerabilità di tipo zero day sfruttabile in ambienti Windows che consentirebbe ad un utente locale o ad una applicazione malevo...

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.devadmin.it

SQL Operations Studio: August Release

Sorgente: UGISS | Autore: Luca Bruni

Ciao a tutti! Siete tornati dalle ferie? A quanto pare a Redmond si e a giustificarlo ecco che, fresca fresca di qualche ora, Microsoft ha appena sfornato la August Release di SQL Operations Studio. Nonostante il focus della release sia stato quello di rendere il prodotto più stabile e correggere una serie di bug noti, non …

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.ugiss.org

Red Hat e SUSE salutano OpenLDAP

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Elena Metelli

OpenLDAP è un’implementazione open source del protocollo LDAP (Lightweight Directory Access Protocol) che si occupa di visualizzare e modificare i directory services, un gruppo di dati che può essere inserito in un record. OpenLDAP è nato nel 1998 (auguri, 20 anni!) quando, presso l’Università del Michigan, Kurt Zeilenga decise di migliorare il progetto originale utilizzato in università, slapd. Il progetto segue la filosofia originale Unix “one job, one tool” e nel corso degli anni è stato un punto di riferimento importante per quanto riguarda i servizi di rete, tanto da essere supportato da tutte le maggiori distribuzioni Linux. Le cose però stanno per cambiare e ne danno conferma due grandi big del mondo Linux enterprise: Red Hat e SUSE. Nelle ultime release notes di SUSE Linux Enterprise viene dichiarato che dalla versione 15 in avanti il directory server di default sarà 389 Directory Server ed OpenLDAP sarà disponibile nel Legacy Module per questioni legati alle migrazioni ma non sarà supportato per tutto il ciclo di vita di SLE 15. 389 Directory Server è un progetto sviluppato da Red Hat come parte del Fedora Project; “389” è un chiaro riferimento alla porta standard utilizzata da LDAP. Per quanto riguarda RedHat invece, [...]

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org