Cos’è realmente Mozilla?

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Matteo Cappadonna

Mozilla negli anni si è fatta decisamente un nome. E’ interessante ripercorrere un pochino la storia di questa organizzazione e la sua evoluzione. Tutto ebbe inizio da Netscape, uno dei primi -e più famosi- browser per desktop. Era davvero molto promettente, al punto che nel 1995 si quotò in borsa, dopo solo 18 mesi di vita dell’azienda, con una straordinaria valutazione di circa 3 miliardi di dollari. Qualcuno di noi ancora si ricorda che, pochi anni dopo, l’azienda era decisamente in crisi sovrastata da Microsoft che, grazie alla mossa di inserire Internet Explorer direttamente nel proprio sistema operativo Windows 95, si era guadagnata la maggioranza del mercato browser. Nel ’98 la risposta di Netscape fu improvvisa ed inaspettata: avrebbero reso il codice sorgente della successiva versione disponibile a tutti in una licenza simile alla GPL (ricordiamo che il termine “open source” fu coniato un mese dopo questo annuncio di Netscape). Ovviamente l’operazione non era così semplice, e molto del browser doveva essere riscritto per poter rilasciarlo liberaemente, ma nel 2002 si arrivò finalmente al rilascio di Mozilla 1.0. Purtroppo, in questi ulteriori 4 anni, Internet Explorer si era “mangiato” il resto del mercato, rendendo questo sforzo tecnico -e commerciale- non [...]

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org

vSphere VM encryption: setup del vCenter Server – pt.2

Sorgente: Nolabnoparty | Autore: Paolo Valsecchi

vSphere VM encryption: setup del vCenter Server - pt.2

Per utilizzare la funzione di criptazione delle virtual machine in VMware vSphere, il Server KMS e il vCenter Server devono essere configurati correttamente per stabilire una connessione. Una volta che il Server KMS è stato installato e configurato, anche il vCenter Server deve essere configurato opportunamente per stabilire un trust con il KMS.   Blog serie vSphere VM encryption: installazione KMS Server - pt.1 vSphere VM encryption: setup del vCenter Server - pt.2 vSphere VM encryption: criptare le virtual machine - pt.3   Setup del vCenter Server Dal vSphere Web Client, effettuare un click con il tasto destro del mouse sul vCenter Server e read more

Leggi il resto dell'articolo su: https://nolabnoparty.com

OpenSource e (ab)uso del software, perché nel cloud dovrebbe essere diverso?

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Raoul Scarazzini

Leggendo questo articolo di Salil Deshpande l’accusa appare chiara: le grandi compagnie che operano nel cloud, Amazon su tutte, stanno mangiando alle spalle del software open-source. Già perché i servizi offerti, nel caso specifico di Amazon gli AWS, sono basati su software open-source costato nulla, pertanto è chiaro, siamo di fronte ad un abuso, per il quale esiste un’unica soluzione: una clausola definita commons. O almeno è questa la tesi dell’autore che a sostegno della sua tesi riporta l’adesione all’utilizzo della common clause da parte di Redis (il popolare database utilizzato in ambito cloud). Ma cosa dice questa clausola? Sintetizzando: […] the Redis Labs add-on modules will include the Commons Clause rider, which makes the source code available, without the ability to “sell” the modules, where “sell” includes offering them as a commercial service […] I moduli add-on di Redis Labs includeranno la clausola Commons, che rende il codice sorgente disponibile, ma senza la possibilità di “vendita” dei moduli, dove “vendita” include l’offerta degli stessi mediante un servizio commerciale Quindi, prosegue lo stesso autore, aziende come General Motors potranno continuare ad usare il tutto come prima, ma Amazon no, perché Amazon ci fa i soldi. Amazon, il male. Ora. Al [...]

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org