VMware Service-defined Firewall

Alla RSA Conference, VMware ha comunicato la propria strategia per aiutare le organizzazioni a riguadagnare terreno sugli “aggressori” con un nuovo approccio alla sicurezza che si concentra più sulle applicazioni che sull’infrastruttura e riduce la sup...

Azure storage: Disaster Recovery e funzionalità di failover

Microsoft ha recentemente annunciato una nuova funzionalità che consente, per gli Azure storage account geo-ridondati, di effettuare in modo pilotato il failover. Tale caratteristica aumenta le capacità di controllo su questa tipologia di storage account, […]

L'articolo Azure storage: Disaster Recovery e funzionalità di failover proviene da Cloud Community. read more

SQL Server 2019 Analysis Services CTP 2.3

Con il rilascio di CTP 2.3 di SQL Server 2019 è arrivata una grande novità per Tabular di Analysis Services. Infatti sono stati rilasciati i CALCULATION GROUPS (https://blogs.msdn.microsoft.com/analysisservices/2019/03/01/whats-new-for-sql-server-2019-analysis-services-ctp-2-3/)Questa importante nuova funzione di DAX consente di creare un nuovo tipo di calcolo, che può essere applicato a più misure; fondamentalmente la stessa cosa che abbiamo sempre …

Ansible sorpassa Chef e Puppet

Oramai spesso ci troviamo non più a gestire uno o due server nel nostro parco macchine. Sempre più spesso abbiamo a che fare con decine (o centinaia) di server Linux, e molti di questi espongono gli stessi servizi per gestire più traffico in parallelo o sopportare problemi di un singolo “nodo”. Certo, tecnologie come i container ed i relativi orchestrator rendono quasi superfluo dover gestire l’installazione e la configurazione delle applicazioni ma vuoi per il fatto che comunque un minimo di riscrittura del codice per “containerizzare” un’applicazione, o il grosso cambio di visione nella scrittura delle stesse necessario ad adattarle ad un ambiente del genere, fa si che spesso dobbiamo gestire batterie di server (siano essi fisici o virtuali) speculari tra loro. Da diversi anni ci si sta allontanando dai “meri” script shell che ogni sistemista si costruiva nel tempo, passando a sistemi più standard di Configuration Management, ovvero software che permettono di automatizzare la gestione dei sistemi in linguaggi più o meno complessi; il vantaggio innegabile di questi sistemi, in genere, è che oltre a richiedere praticamente lo stesso effort la modifica su uno host o su 100, permettono facilmente di utilizzare il codice proveniente da un sistema di [...]