Tutti gli articoli di Elena Metelli

ESET: trovate 21 “nuove” famiglie di malware per Linux

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Elena Metelli

Nonostante Linux sia considerato uno dei sistemi operativi più sicuri, nel corso degli anni il numero di malware che prendono di mira il Pinguino sono aumentati, anche se in misura quasi infinitesimale se comparati a quelli sviluppati per Windows. Numeri così bassi hanno fatto un po’ “abbassare la guardia” agli addetti ai lavori che tenderebbero a fare molta meno attenzione a questo aspetto di come non farebbero su una piattaforma Microsoft. Questa settimana ESET ha pubblicato un interessantissimo paper di 53 pagine in cui espone nel dettaglio ben 21 “nuove” famiglie di malware per Linux, tutte che operano nella stessa maniera: sono versioni trojan del client OpenSSH. E virgolettiamo “nuove” perché ESET ha scoperto che sono in circolazione indisturbate da oltre quattro anni! Questi malware sono sviluppati come strumenti da deployare poi in più complesse botnet che rimpiazzano sul sistema attaccato la versione legittima di OpenSSH con quella malevola. Di queste 21 famiglie: 18 includono delle feature che sottraggono le credenziali (password e keys); 17 includono delle backdoor che permettono di riconnettersi in qualunque momento alla macchina infetta. ESET ammette però che, se sono arrivati a queste scoperte, è grazie ad un altro malware: Windigo. Durante le analisi della botnet [...]

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org

Linux Foundation e RISC-V insieme per promuovere CPU opensource

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Elena Metelli

Quando si pensa alla Linux Foundation, di solito, si pensa a del software open source ma non è così. Infatti la settimana scorsa la Linux Foundation e RISC-V Foundation hanno annunciato una partnership per accelerare lo sviluppo open source e l’...

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org

Dell XPS 13 Developer Edition, certificato da Canonical, è il miglior laptop Linux (secondo ZDNet)

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Elena Metelli

Abbiamo più volte dato spazio a notizie riguardanti computer con Linux pre-installato o, ancora meglio, progettati proprio intorno a Linux, come quelli prodotti da System76. In effetti non sono molti i vendor che lanciano sul mercato un pc o laptop direttamente con Linux nonostante l’hardware magari sia perfettamente compatibile; ad esempio, i ThinkPad sono Red Hat Certified Hardware ma vengono puntualmente venduti con Windows. Dell ha voluto differenziarsi e qualche anno fa ha introdotto, tra i modelli di fascia alta, l’XPS 13 Developer Edition che di fabbrica viene fornito con Ubuntu pre-installato. Dell non si è accontentata però di installare Ubuntu giusto per offrire un’opzione all’utente ma, considerando a chi è rivolto quello specifico modello, ha deciso di lavorare a quattro mani con Canonical per certificare Ubuntu 18.04 LTS sul suo nuovo XPS 13 Developer Edition. L’XPS 13 è infatti il primo laptop che installa automaticamente il servizio Canonical Livepatch che, ricordiamo, permette di installare patch critiche del kernel senza bisogno di riavviare la macchina. L’XPS 13 racchiude il meglio di quello che si trova ora sul mercato: i7-8550U 8th gen. (8 core, 4GHz!) LPDDR3 2133MHz 512GB PCIe SSD monitor touch 13.3 4K InfinityEdge Intel UHD Graphics 620 3 porte [...]

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org

Anche la città di Tirana sceglie l’Open Source!

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Elena Metelli

In passato ci sono stati diversi enti pubblici che sono passati all’open source ma che, nonostante i grandi investimenti, hanno deciso di ritornare a Microsoft, come successo a Monaco, ed altri che – per ora – sembrano soddisfatti della scelta, come Barcellona. Stavolta è il turno della municipalità più grande dell’Albania: Tirana. Ermir Puka, a capo del reparto ICT, è convinto che, nonostante l’iniziale resistenza del personale al cambiamento ed alle varie problematiche legate alla migrazione, affidarsi a software free ed open source sia la scelta migliore negli interessi del cittadino. Public Money. Public Code. Dopo essere migrati con successo a Nextcloud, il progetto di rinnovo dell’infrastruttura IT secondo gli standard open continua con l’adozione di LIbreOffice. La migrazione è partita dal reparto delle risorse umane dove viene fatto largo utilizzo di documenti e fogli di calcolo. Questo è stato anche un banco di prova per rilevare i problemi durante e dopo il passaggio a LibreOffice, prima di procedere con il resto degli uffici. Al momento, quasi tutti i 1000 computer della pubblica amministrazione di Tirana usano LibreOffice. Puka crede così fortemente in questo progetto che i manuali di LibreOffice Writer e Calc sono stati tradotti in albanese per facilitarne [...]

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org

Uber diventa Gold Member della Linux Foundation

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Elena Metelli

La scorsa settimana si è tenuto a San Francisco l’Uber Open Summit 2018, evento di un giorno dedicato agli sviluppatori ed alle community che promuovono la collaborazione open source e l’innovazione su larga scala. Il programma includeva oltre 15 talk e workshop utilizzando alcuni progetti open source di Uber tra i quali: Jaeger: sistema di tracciamento distribuito per le architetture basate sui microservizi; M3: gestione delle metriche su larga scala e con ampia retention, piattaforma che lavora con Prometheus; RIBs: framework di Uber cross-platform, per dispositivi mobile; Horovod: training framework per il deep learning; Pyro: un linguaggio di programmazione probabilistico basato su Python. A confermare quanto sia importante l’Open Source in un’azienda come Uber è lo stesso CTO, Thuan Pham: Open source technology is the backbone of many of Uber’s core services and as we continue to mature, these solutions will become ever more important. La tecnologia Open Source è la spina dorsale di molti servizi essenziali per Uber e, mentre continuiamo a crescere, queste soluzioni diventeranno sempre più importanti. E dopo ben 10 anni dal suo lancio, finalmente, Uber si unisce alla Linux Foundation come Gold Member: The Linux Foundation not only provides homes to many significant open source [...]

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org

Niente TCP nella nuova versione di HTTP

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Elena Metelli

La prossima versione di HTTP (Hypertext Transfer Protocol) – il protocollo che definisce il modo in cui i browser comunicano con i web server – porterà parecchi cambiamenti al protocollo così come lo conosciamo. Ad oggi HTTP si basa sull’utilizzo del protocollo TCP, che fornisce un modo affidabile di trasmettere i dati attraverso una rete. Con “affidabile” si intende che se qualche dato (pacchetto) viene perso durante la trasmissione, chi riceve la comunicazione può “richiedere” che venga ritrasmesso il dato mancante. Inoltre i dati vengono ricevuti nell’ordine trasmesso – a differenza dell’UDP – ed eventuali dati corrotti durante il trasferimento possono essere individuati. Allora perché cambiare? Perché il protocollo TCP viene ormai utilizzato come soluzione per qualsiasi applicazione richieda questo tipo di affidabilità, soluzione che però non risulta sempre ottimale. Una soluzione più flessibile l’ha elaborata Google che ha lavorato su un nuovo protocollo chiamato QUIC – Quick UDP Internet Connections. Un momento… ma l’UDP è quel protocollo che lancia pacchetti in rete in disordine e non si interessa del fatto che vengano ricevuti/smarriti/corrotti/inghiottiti dalle forze maligne! Vero. Ma è veloce e semplice. QUIC è un protocollo costruito su UDP ma che punta ad utilizzare l’affidabilità offerta dal protocollo TCP diminuendone [...]

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org

Merry Tuxmas! System76 finanzierà i progetti OpenSource

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Elena Metelli

La settimana scorsa abbiamo parlato di Thelio, il deskotp (quasi) open di System76, azienda nata con lo scopo di promuovere i concetti di open source ed open hardware. Al momento Thelio è l’unico PC prodotto da System76 che include componenti open (in questo caso il case e la I/O board); infatti i laptop si basano su design non-open di terze parti. Per il periodo delle festività, System76 ha deciso di donare parte dei proventi derivati dalle vendite dei suoi laptop a quattro progetti attivi nel mondo dell’Open Source: Free Software Foundation, per il suo impegno costante nei finanziamento di progetti open e per la divulgazione della cultura free ed open; Open Source Hardware Association, che utilizza la Open Source Hardware Certification per aiutare gli utenti ad identificare i prodotti che rappresentano l’idea di open source hardware; Electronic Frontier Foundation che assicura che i diritti e le libertà legate alla produzione di hardware siano migliorate e garantite a fronte del progresso tecnologico; KiCad, un software sviluppato dal CERN utilizzato da System76 per la progettazione del proprio hardware. L’azienda di Denver sta anche incentivando le vendite tramite degli sconti che vanno dai 30$ ai 370$, in base al modello. La campagna promozionale è [...]

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org