Archivi categoria: debian

WLinux, una distribuzione Linux basata su Debian e pronta per Windows WSL… senza systemd!

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Raoul Scarazzini

Avanti popolo! Non bastava l’annuncio di una nuova e rinnovata partnership tra Canonical e Microsoft volta a rendere migliore l’integrazione tra i due ambienti, ecco infatti che l’azienda Whitewater Foundry presenta WLinux, una distribuzione che si presenta, già dal nome, nativa dell’ambiente WSL. Basata su Debian, la distribuzione viene pubblicizzata dal creatore come ottimizzata per il sistema Windows Subsystem for Linux, in particolare per quanto riguarda l’ambito sicurezza, con piccoli pacchetti più semplici da aggiornare ed a minor rischio di incompatibilità. Ma il motivo per cui la distribuzione è balzata agli onori della cronaca è uno in particolare, nella pagina di presentazione viene chiaramente affermato: A handful of unnecessary packages, such as systemd, have been removed to improve stability and security. Un pugno di pacchetti inutili, come systemd, è stato rimosso per incrementare stabilità e sicurezza E se da un lato viene da sorridere, dall’altro ci si può iniziare a chiedere quale sia la vera natura di queste pseudo/meta/trovatevoiiltermine distribuzioni. Quale sistema di init usano? Systemd è ritenuto inutile, e ci può anche stare, ma con cosa è stato rimpiazzato? Al momento il repository git del progetto non permette di cercare risposte in merito, in quanto… uh… Vuoto! Che sia tutto uno scherzo architettato ad arte [...]

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org

Debian Linux festeggia 25 anni, buon compleanno!

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Raoul Scarazzini

Dal manifesto Debian: Debian Linux is a brand-new kind of Linux distribution. Rather than being developed by one isolated individual or group, as other distributions of Linux have been developed in the past, Debian is being developed openly in the spirit of Linux and GNU. Debian Linux è un nuovissimo tipo di distribuzione Linux. Anziché essere sviluppato da un singolo individuo o gruppo come altre distribuzioni Linux in passato, Debian viene sviluppato apertamente nello spirito di Linux e GNU. Con queste parole il compianto Ian Murdock riassumeva l’essenza vocazionale della distribuzione community per eccellenza, Debian, ormai venticinque anni fa. Infatti proprio il 16 di agosto del 1993 la distribuzione vide la luce per la prima volta e per capire la portata di quelle che alla fine sono nozze d’argento tra Debian e la community (un vero matrimonio felice) è sufficiente effettuare una velocissima ricerca per vedere quante sono state le celebrazioni per questo importante traguardo. Venticinque anni dopo Debian rimane la distribuzione di riferimento per affermate sorelle come Ubuntu e Knoppix oltre che la base di partenza per tutta una serie di progetti che hanno preso o prenderanno piede nel prossimo futuro: macchine, aeroporti, dispositivi IoT… Debian ci sarà. Anche [...]

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org

Le applicazioni Debian arrivano sui Chromebook

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Elena Metelli

Ad inizio anno avevamo riportato la notizia riguardante Project Crostini, progetto Google volto a dare la possibilità agli utenti di avviare macchine virtuali Linux su ChromeOS. Nei mesi successivi i produttori di Chromebook, ad esempio Samsung, hanno iniziato ad implementare questa possibilità, seppur su Chromebook di fascia alta. Qualche settimana fa, XDA Developers ha segnalato che, controllando i commit sul codice di ChromeOS, la prossima feature sarebbe proprio stata il supporto nativo di pacchetti .deb. Ma non si tratta solamente dell’abilitazione di una feature, bensì della possibilità di installare i pacchetti tramite un paio di semplici click che si occuperanno di interagire col terminale, controllare le dipendenze, un vero e proprio installer insomma. Gabriel Brangers di Chrome Unboxed, sito che si occupa esclusivamente di ChromeOS, ha deciso di testare questa possibilità, test conclusosi con successo. Oltre a testare, banalmente, l’applicazione Chrome per Linux, ha pensato di provare qualcosa di più corposo, come Visual Studio Code, anche quest’ultimo perfettamente up and running in no time. Project Crostini per ora è stato testato sul canale di sviluppo di ChromeOS ed è attivabile semplicemente tramite un’opzione nelle impostazioni del device. Che questo possa aiutare la diffusione dei Chromebook (e delle basi di Linux) [...]

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org

Annunciati i nuovi nomi per le future release di Debian

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Raoul Scarazzini

A partire dal 12 gennaio 2019 il team di Debian inizierà il processo di avvicinamento al rilascio della prossima release, nominata Buster. Quindi nel pieno rispetto della tradizione ecco che anche il cane di Andy, della serie Toy Story, ha la sua release. Al transition freeze di gennaio seguirà il soft freeze il 12 febbraio per arrivare al full freeze il 12 marzo. Quando verrà rilasciata quindi la versione? A conti fatti ed analizzando il corso seguito dalle precedenti release è presumibile che verso la metà del 2019 Buster sarà ufficialmente tra noi.

Ma analizzando la pagina delle release di Debian si possono scoprire altre informazione sui prossimi rilasci previsti dal progetto. Ad esempio già si conosce il nome del successore di Buster, il quale verosimilmente verrà rilasciato nel 2021, che è Bullseye (il cavallo dello sceriffo Woody). read more

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org

Google saluta Ubuntu e da il benvenuto a Debian

Sorgente: Mia mamma usa Linux! | Autore: Matteo Cappadonna

E’ arrivata la conferma ufficiale da parte di Google: per i client presenti nell’azienda, Big G ha deciso di abbandonare Goobuntu, sviluppata internamente e basata sul famoso Ubuntu di Canonical, in favore di gLinux, basa sul ramo testing di Debian.

Anche in questo caso la decisione di Google è stata quella di prendere un prodotto open source, introdurci delle variazioni – ogni pacchetto di Debian Testing viene preso, ricompilato testato e sistemato, introducendo modifiche o patch, prima di aggiungerlo ai repository utilizzati da gLinux – ed utilizzarlo solo internamente, senza rilasciare alcunchè pubblicamente. read more

Leggi il resto dell'articolo su: https://www.miamammausalinux.org

Assegnare un IP statico in Debian Jessie

Sorgente: valent | Autore: valent

Un indirizzo IP statico è un indirizzo IP che non viene assegnato dinamicamente ad un’interfaccia di rete ma è viene salvato nella configurazione del sistema in modo che ogni volta che il computer viene accesso, tale indirizzo riamnga sempre quello. Nella maggior parte delle situazioni non è importante che lo stesso IP address rimanga associato […]

Leggi il resto dell'articolo su: http://www.valent-blog.eu

Installare PHP7 su Debian Jessie

Sorgente: valent | Autore: valent

La distribuzione Debian 8 (Jessie) è stata pubblicata ormai da più di un anno. Di default, questa distro mette a disposizione la versione 5.6 di PHP che per molte situazioni è adeguata; ma per chi vuole sfruttare i benefici delle ultime novità e, perché no, un aumento decisamente visibile delle prestazioni, è arrivato il momento […]

Leggi il resto dell'articolo su: http://www.valent-blog.eu

Installare Docker su Debian Jessie

Sorgente: valent | Autore: valent

Docker è un insieme di applicazioni e servizi che permettono agli utenti di creare dei contenitori isolati nei quali eseguire ambienti e applicazioni. Installare Docker su Debian Jessie non è un’operazione molto difficile, tuttavia è opportuno optare per i pacchetti Docker ufficiali invece di quelli inclusi nei repository di Debian Jessie. Installiamo Debian Jessie su […]

Leggi il resto dell'articolo su: http://www.valent-blog.eu