Archivi categoria: Linux

Linux su desktop in pericolo?

Ogni anno ci dicono che sarà l’anno di Linux su desktop ed ogni anno alziamo il sopracciglio. Anche se per quanto riguarda l’ambito server il Pinguino regna sovrano, i numeri lato desktop sono nettamente inferiori: solo il 2,1% degli utenti ha scelto di affidarsi a Linux. Una teoria per spiegare questo poco successo arriva dallo stesso Linux Torvalds che, in una recente intervista, si è detto un po’ “stanco” dell’eccessiva frammentazione di Linux, e sottolineando che prodotti come i Chromebook ed Android sono quelli che potrebbero conquistare il pubblico. In poche parole, nonostante Linux abbia fatto della customizzazione uno dei suoi maggiori punti di forza, forse per il desktop sarebbe stato meglio standardizzare tutto e condividere tra le varie distribuzioni. Torvalds si è detto interessato anche a software come Flatpak e Snap che consentono di installare e mantenere software su distribuzioni differenti. Resta però infastidito dal “campanilismo” creato rispettivamente da Red Hat e Canonical in merito a queste soluzioni. Non c’è effettivo interesse per lo sviluppo desktop e la maggior parte del lavoro, al momento, è svolta dalla community per progetti come ad esempio Ubuntu, Fedora o openSUSE. Cosa fare per uscire da questa sorta di circolo vizioso? Qualcuno propone [...]

SUSE diventerà la più grande azienda Linux indipendente?

Qualche giorno fa vi parlavamo delle evoluzioni di SUSE e di come, dopo una serie di passaggi tra diverse aziende, risultasse al momento di una azienda di investimenti svedese. In questi giorni, a Nashville, si è tenuta l’annuale SUSECon, l’evento che abbraccia proprio questa distribuzione, oltre che l’ideologia open-source su cui -ovviamente- si basa. Durante i diversi eventi ha preso parola anche Nils Brauckmann, attuale CEO di SUSE che, soprattutto in riferimento all’acquisizione di Red Hat da parte di IBM, ha affermato quanto segue: We believe that makes our status as a truly independent open source company more important than ever. Our genuinely open-source solutions, flexible business practices, lack of enforced vendor lock-in, and exceptional service are more critical to customer and partner organizations, and our independence coincides with our single-minded focus on delivering what is best for them.Crediamo che questo renda il nostro status di vera azienda open source indipendente ancora più importante di sempre. Le nostre soluzioni genuine open-source, le pratiche di business flessibili, l’assenza di un lock-in sui vendor, ed i servizi eccezionali siano ancora più critici per i clienti e le organizzazioni partner, e la nostra concentrazione sull’indipendenza coincide con il nostro scopo comune di distribuire [...]

Valve: Index VR supporterà Linux

La settimana scorsa Valve si è lasciata sfuggire, tramite una pagina del proprio store pubblicata per errore, alcuni dettagli relativi a Index, il suo prossimo visore VR. GamingOnLinux ha immediatamente notato, nella sezione dei requisiti di sistema, la dicitura “SteamOS + Linux” ed ha chiesto a Valve qualche dettaglio in più che ha risposto semplicemente: Yes on Linux support. Sviluppare non è semplice e se già è complesso assicurarsi che un gioco Windows funzioni bene, Linux non da di certo una mano con tutte le sue varianti, i driver non ufficiali ed i setup custom che gli utenti si preparano. Con tutte queste variabili di mezzo, Linux come piattaforma di gaming fatica un pochino a decollare e sono molti gli sviluppatori che hanno mollato il colpo. È qui che entra in gioco Valve che lo scorso agosto ha annunciato una nuova versione di Steam Play che consente di giocare a videogiochi disponibili solo su Windows, anche sulla piattaforma del Pinguino. Dopo 8 mesi dal lancio, i giochi che funzionano (più o meno bene, accontentiamoci!) su Linux sono oltre 4000. Possiamo quasi sbilanciarci e dire che, seppure con molta “calma”, il mondo del gaming si sta accorgendo di che fetta di [...]

Linux Kernel 5.0

Annunciato ancora a gennaio, è stato rilasciato il nuovo kernel Linux in versione 5.0.x… nuovo filone, ma stesso nome in codice del precedente filone di sviluppo… a conferma di una continuità. Lo stesso Linus Torvalds precisa che la nuova v...

RedTeam e CDF: i nuovi progetti della The Linux Foundation

Come ben sappiamo la The Linux Foundation organizza e sostiene ecosistemi intorno a progetti open source con lo scopo di accelerare lo sviluppo e l’adozione degli stessi. Grazie al supporto finanziario, infrastrutturale, e molto altro, da oramai quasi 20 anni è uno dei punti di riferimento nell’ambiente Linux. In questi giorni ha annunciato due nuovi progetti con due scopi ben differenti: Red Team Project e Continuous Delivery Foundation (CDF). Red Team Project nasce da una necessità sempre più viva nell’ambiente software: la sicurezza del software. Il termine Red Teams, nell’ambiente della sicurezza, indica una metodologia per testare l’effettivo programma di sicurezza di un gruppo o un’azienda, emulando il reale comportamento di un eventuale attaccante contro i sistemi. Questo progetto si pone come sorta di “incubatore” di tool open source che implementano queste metodologie, includendo software che spaziano da utility per il containerized pentesting (per le vulnerabilità di container ed immagini), all’analisi dei rischi direttamente sui binari. Il progetto ovviamente non è nato dall’oggi al domani, bensì nasce dal Fedora Red Team Special Interest Group, lanciato da Jason Callaway: We started Fedora Red Team SIG with some fellow Red Hatters at Def Con 25. We had some exploit mapping tools that we [...]

Remote Desktop Web Client in Windows Server 2016 e Windows Server 2019

Da qualche mese è disponibile il Remote Desktop Web Client, un client html5 per poter accedere in remoto ad un’infrastruttura di Remote Desktop Services e di RemoteApp. Abbiamo già visto nell’articolo Creare una farm di Remote Desktop Services in Microsoft…

Archiviate le accuse di utilizzo improprio di Linux da parte di VMWare (forse)

È diverso tempo, forse dalla creazione stessa di VMWare ESX (l’hypervisor Linux-based per macchine fisiche), che l’azienda del popolare software per la virtualizzazione viene accusata di utilizzare impropriamente il codice open-source non pubblicando il codice da esse derivato a sua volta come open-source. Diverso tempo dopo, se si considera che ne avevamo parlato nell’agosto del 2016, ecco che mediante uno (striminzito) blog post, VMWare annuncia l’archiviazione del caso di contenzioso con Christoph Hellwig da parte del tribunale tedesco di Amburgo: VMware is pleased with the February 28, 2019 decision of the German appellate court in Hamburg to dismiss Mr. Hellwig’s appeal and let stand the regional court’s decision to dismiss Mr. Hellwig’s lawsuit. VMware did not seek out this litigation, nor did we believe it was in the interests of the parties involved or the broader Linux kernel community. VMware continues to be a strong supporter of open source software development and remains willing to engage in a dialogue to address any issues or concerns from the open source community.VMware è soddisfatta della decisione del 28 febbraio 2019 della corte d’appello tedesca di Amburgo di respingere l’appello di Mr. Hellwig e mantenere la decisione della corte regionale di respingere la [...]

Il ritorno dei PDA Psion… Con Linux! Nome in codice Gemini!

C’era una volta un’azienda chiamata Psion che produceva degli oggetti straordinari denominati Personal Digital Assistants o PDA. La leggenda narra che alcuni dinosauri in via d’estinzione che oggi calpestano ancora la terra lo abbiano usato negli anni ’90. Il dispositivo aveva uno schermo monocromatico a cristalli liquidi, una tastiera di tipo QWERTY e, sebbene qualcuno lo bollasse semplicemente come una calcolatrice evoluta, era in realtà tutto quello che si poteva desiderare per organizzare il proprio lavoro in mobilità. A poterselo permettere, sia chiaro. Bene, circa 25 anni dopo, sul sito per il crowdfunding Indiegogo, ecco che l’azienda londinese Planet Computers presenta Gemini PDA Android & Linux keyboard mobile device, un dispositivo che ricalca sfacciatamente il suo avo nell’estetica, ma aggiunge quel pizzico di feature in più che lo mettono in linea con le esigenze di oggi: Processore MediaTek deca-coreRAM 4GBStorage da 64GB storage (con uno slot microSD)Connettività 4G, 802.11c e Wi-Fi, GPS, Bluetooth e supporto eSIMSchermo da 5.99 pollici con risoluzione a 2,160 x 1,080 (403ppi) Nota di colore a completare la descrizione: i sistemi operativi che supporterà saranno due: Android e Linux, nativamente, in modalità dual-boot. Il dispositivo è già in produzione (la campagna al momento ha raccolto il 284% dei [...]

Kali Linux 2019.1: aggiornamenti per la security distro

La poliedricità del kernel Linux fa si non solo che questo possa essere installato su quasi tutti i dispositivi, ma anche che aggiungendoci software intorno possa essere fornito in “collezioni” (distro) pensate ad uno scopo preciso. E’ proprio questo il caso di Kali Linux, nata nel 2013 e basata su Debian, è attualmente considerata un ottimo punto di partenza per chi vuole utilizzare il sistema operativo di Torvalds per fare analisi di sicurezza e penetration testing. Offensive Security, l’azienda che sta dietro a questa distro disponibile gratuitamente, ha recentemente rilasciato la prima versione del 2019, basata su kernel 4.19.13 e contenente oltre ai principali software di analisi aggiornati diverse patch e fix a bug. Sicuramente degna di nota è l’inclusione di Metasploit 5.0, un tool di penetration testing a plugin che lo rende estremamente versatile: The Metasploit Framework is an open source penetration testing and development platform that provides you with access to the latest exploit code for various applications, operating systems, and platforms. You can leverage the power of the Metasploit Framework to create additional custom security tools or write your own exploit code for new vulnerabilities.Metasploit Framework è un piattaforma open source di sviluppo e test di penetration [...]