Archivi categoria: Linux

Evento gratuito a Bari il 15 febbraio – Windows 10, Presente e Futuro, WSL vs Kali e novità di Windows Server 2019

Dopo una breve pausa ripartiamo nel 2019 con il 1° evento POWERCON dell’anno! Per la seconda volta saremo presenti all’A.R.I. di Bari, l’Associazione Radioamatori Italiani – Sezione di Bari. Il prossimo 15 febbraio 2019, presso l’Istituto Tecnico Tecnologico “M. Panetti” in…

Siete sicuri di pronunciare Linux nella maniera corretta?

Bryan Lunduke, di Linux Magazine, si è posto una domanda banale: come deve essere pronunciato Linux? Ora, dando per scontato che esista un modo univoco e corretto per dire Linux, la risposta che da è questa: Linux should be spelled L-I-N-U-C-S. Linucs Il fatto è che insieme a questa affermazione l’autore fa tutta una digressione sul perché ci sia la X alla fine del nome, partendo dal perché UNIX si chiama così (quando in origine era UNICS, acronimo di UNiplexed Information and Computing Service) ed arrivando alle ragioni storiche sul perché Linus Torvalds optò per l’utilizzo del suo nome invece di usare il nome che aveva in mente ossia Freax (unione delle parole “Free”, “Freak”, “Unix”). Tutto questo però non aiuta, poiché per noi italiani dire CS e X alla fine di un nome è praticamente identico, mentre in inglese un minimo cambia, poiché la X si pronuncia “EX”. La parte che ci interessa è quella della I ed in questo caso, considerando di fare lo spelling suggerito dall’autore qui sopra in inglese, la pronuncia in italiano dovrebbe essere qualcosa di simile a Lainucs. Verosimile? C’è qualcuno che davvero dice LAINUX per indicare il nostro Kernel preferito? Magari corretto eh, ma [...]

PineTab: tablet Linux in arrivo quest’anno

Pine64 ha grandi progetti per il 2019; non solo ha in cantiere uno smartphone Linux per fare concorrenza al Librem 5 di Purism, ma ultime indiscrezioni lasciano trapelare l’intenzione dell’azienda di lanciare sul mercato addirittura un tablet basato sul Pinguino. PineTab, questo il nome del dispositivo, sarà un tablet da 10.1″ con un chip Allwinner ARM64 SoC simile a quello già in utilizzo sui Pinebook. Le altre caratteristiche includono: 2GB LPDDR3 RAM16GB eMMCWiFi 802.11nBluetooth 4.0Camera 2MP (frontale) e 5MP (posteriore)Speaker posterioriPulsante Home sul lato Lo chassis sarà in plastica nera rugged per offrire un grip migliore. Gli speaker saranno posizionati nella parte posteriore del dispositivo ed il pulsante Home si troverà sul lato. In aggiunta verrà offerta anche la possibilità di acquistare separatamente una tastiera magnetica che farà anche da sleeve. Questa tastiera avrà anche un trackpad e potrà sostenere il tablet nel caso lo si voglia usare a mo’ di laptop. Prezzo? 79$ (99$ se volete anche la tastiera)… praticamente regalato! Non si hanno ancora notizie sulla data di lancio sul mercato ma Pine64 assicura che al FOSDEM 2019 presenterà un prototipo molto simile alla versione finale. Forse sarà l’anno di Linux… su tablet? 🤔

Linux per Chromebook farà scegliere la distro preferita

Nato come progetto parallelo e poi portato ufficialmente all’interno di ChromeOS, Crostini ha reso per molti utenti di Chromebook il loro sistema un pochino più simile ad un computer nella forma più classica del termine. La feature è stata così apprezzata da tutti gli utenti (avanzati) dell’OS di casa Google da abbandonare il nome in codice Crostini per diventare un più parlante “Linux (beta) per Chromebook“, oltre ad introdurre, release dopo release, sempre più funzionalità (ad esempio, è prevista a breve l’aggiunta al supporto per l’accelerazione hardware). Tra le novità in arrivo ne troviamo una così “importante” da ricevere un proprio nome in codice: Pita. Gli articolisti di 9to5Google hanno infatti notato una modifica nella codebase di Chromium che riporta questo: Device administrators will be able to designate a URL for Chrome OS to download the Linux distro from a hash to ensure the download was successful. It’s also intended for a license key (if necessary) to be preset. It’s not yet known if any modifications will need to be made to the Linux distro itself to work with Chrome OS. Gli amministratori dei dispositivi potranno indicare una URL permettendo a Chrome OS di scaricare la distro Linux da un hash per assicurare che il download sia avvenuto con successo. Se necessario, dovrà anche essere presente una chiave di licenza. Non è ancora chiaro se saranno necessarie modifiche alla distribuzione Linux stessa per funzionare con Chrome OS. Certo, sicuramente gli sviluppatori che lavorano su Chromebook saranno entusiasti di questa scelta, poichè pare che sarà possibile [...]

ESET: trovate 21 “nuove” famiglie di malware per Linux

Nonostante Linux sia considerato uno dei sistemi operativi più sicuri, nel corso degli anni il numero di malware che prendono di mira il Pinguino sono aumentati, anche se in misura quasi infinitesimale se comparati a quelli sviluppati per Windows. Numeri così bassi hanno fatto un po’ “abbassare la guardia” agli addetti ai lavori che tenderebbero a fare molta meno attenzione a questo aspetto di come non farebbero su una piattaforma Microsoft. Questa settimana ESET ha pubblicato un interessantissimo paper di 53 pagine in cui espone nel dettaglio ben 21 “nuove” famiglie di malware per Linux, tutte che operano nella stessa maniera: sono versioni trojan del client OpenSSH. E virgolettiamo “nuove” perché ESET ha scoperto che sono in circolazione indisturbate da oltre quattro anni! Questi malware sono sviluppati come strumenti da deployare poi in più complesse botnet che rimpiazzano sul sistema attaccato la versione legittima di OpenSSH con quella malevola. Di queste 21 famiglie: 18 includono delle feature che sottraggono le credenziali (password e keys); 17 includono delle backdoor che permettono di riconnettersi in qualunque momento alla macchina infetta. ESET ammette però che, se sono arrivati a queste scoperte, è grazie ad un altro malware: Windigo. Durante le analisi della botnet [...]

Adobe si giustifica: la richiesta per Linux è troppo bassa

Storicamente uno dei motivi che si additano ad un’adozione lenta di Linux sui computer è data dalla mancanza di videogame, cosa che spinge gli utenti -soprattutto i più giovani- a restare legati a piattaforme proprietarie. Ultimeamente il lavoro che Valve sta mettendo sulla piattaforma Steam, e più precisamente sul progetto Proton, sta facendo si che questo capitolo si avvii ad una chiusura, ma la user-base non sta aumentando in maniera sensibile. Un’altra categoria di persone che faticano ad avvicinarsi, soprattutto nel mondo business, al nostro adorato sistema operativo è quella dei grafici: seppur alternative open non manchino, basti pensare a software come GIMP o Inkscape, quando si entra nella maggior parti di uffici che si occupano di grafica o fotoritocco i programmi che si vedono sugli schermi di quasi tutti arrivano da una sola azienda: Adobe. Con la sua posizione dominante sul mercato è -tristemente- normale che la sua assenza sul pinguino causi l’ovvio ricadere di molti professionisti del settore su sistemi operativi proprietari che, però, sono supportati. Su Adobe User Survey, sito in cui è possibile votare per le migliorie dei software Adobe, risulta chiaro che l’interesse -seppur presente- è decisamente basso: la richiesta di supporto a Linux per [...]

Ecco a voi la guida definitiva ai Laptop Linux, gentilmente offerta da LinuxJournal!

Il tema laptop Linux è molto sentito qui su MiaMammaUsaLinux, infatti ogni volta che lo affrontiamo sul portale sono moltissimi i commenti ed il motivo è presto detto: trovare un laptop che supporti Linux nativamente, senza che vi sia bisogno di configurare l’impossibile è raro. Rarissimo. Ecco però che la rediviva rivista Linux Journal viene in aiuto di tutti noi disperati, proponendo un PDF liberamente scaricabile che compie una dettagliata ed utile analisi di tutte le soluzioni realmente percorribili nell’ambito dei computer portatili per il sistema operativo del pinguino. Una vera e propria Linux Laptop 2018 Buyer’s Guide. Buona parte di queste soluzioni per la verità erano già state affrontate nei nostri precedenti articoli: abbiamo parlato dei Chromebook, del Dell XPS 13, e dei portatili Purism, ma questo documento va oltre, trattando anche il System76 Oryx Pro e spingendosi a dare i consigli più utili per la scelta del portatile migliore quando si ha bisogno di muoversi parecchio. Insomma, 80 pagine di recensioni, consigli e link per avere tutti i riferimenti possibili su quello che è lo stato dell’arte per i laptop Linux. Buona consultazione, e fateci sapere quale ritenete sia il miglior laptop! Un avvertimento doveroso in ogni caso: [...]

In arrivo un altro smartphone Linux?

Dopo i diversi annunci di ritardo di Purism per il suo smartphone Librem 5 e l’affacciarsi di un altro competitor, Pine64, al lavoro su un altro device mobile basato su KDE Plasma, in questi giorni è stata annunciata un ulteriore collaborazione tra il team KDE ed un produttore di cellulari: Necuno Solutions. In un annuncio uscito ieri sia sul blog di KDE che in un comunicato ufficiale sul sito del produttore finlandese, è stato detto al mondo dell’arrivo di una terza opzione per i futuri possibili utenti Linux su cellulare: Necuno Mobile. Il dispositivo si propone come, definizione degli stessi produttori, un “truly open-source hardware platform” (piattaforma hardware realmente open-source). Certo, è presente del codice closed-source nel firmware utilizzato dal dispositivo, ma viene indicato come questo “blob” non abbia accesso alla memoria principale del sistema, di fatto isolando la componente closed da quella open utilizzata dall’utente. Sicuramente la previsione è quella di un dispositivo più lento rispetto al Librem 5, essendo basato su SoC i.MX6 (contro il SoC i.MX8 disponibile nell’altro telefono), ma questa scelta potrebbe riflettersi in una maggior disponibilità ed in un minor prezzo del dispositivo finale, unita ad una compatibilità maggiore con l’attuale kernel Linux. Le specifiche comunicate del [...]

Confronto tra le edizioni Standard e Datacenter di Windows Server 2019

Visto il successo dell’articolo Windows Server 2016 – Quali sono le differenze tra la Standard Edition e la Datacenter Edition, ho pensato di raccogliere in questo estratto le novità più salienti di Windows Server 2019 e descrivere le differenze tra le…