Archivi categoria: Openness

Novità di Windows Subsystem for Linux in Windows 10, versione 1903

Ormai è diventato un appuntamento fisso. In ogni aggiornamento di funzionalità semestrale di Windows 10 troviamo delle novità significative che migliorano il servizio WSL e permettono di aggiungere nuove caratteristiche a questa particolare funzionalità, consentendo quindi di renderne sempre più…

Evento gratuito a Bari il 15 febbraio – Windows 10, Presente e Futuro, WSL vs Kali e novità di Windows Server 2019

Dopo una breve pausa ripartiamo nel 2019 con il 1° evento POWERCON dell’anno! Per la seconda volta saremo presenti all’A.R.I. di Bari, l’Associazione Radioamatori Italiani – Sezione di Bari. Il prossimo 15 febbraio 2019, presso l’Istituto Tecnico Tecnologico “M. Panetti” in…

Confronto tra le edizioni Standard e Datacenter di Windows Server 2019

Visto il successo dell’articolo Windows Server 2016 – Quali sono le differenze tra la Standard Edition e la Datacenter Edition, ho pensato di raccogliere in questo estratto le novità più salienti di Windows Server 2019 e descrivere le differenze tra le…

Utilizzo di Azure DNS per la validazione automatica di Let’s Encrypt

In ICTPower ci siamo occupati a più riprese della Certification Authority Let’s Encrypt, ed abbiamo visto come è possibile utilizzarla in diversi scenari.

In Ambienti OpenSource, con la validazione basata su Apache, In un altro articolo abbiamo proposto lo scenario che si può utilizzare con IIS come base per la validazione. read more

Novità di Windows Subsystem for Linux in Windows 10 Build 17063 (e successive)

Come facilmente immaginabile, anche nelle ultime build di Windows 10 del programma Insider ci sono novità importanti che riguardano il componente Windows Subsystem for Linux. Ricordiamo che il programma Insider permette di testare in anteprima le ultime novità del sistema operativo Windows 10 anche con grande anticipo rispetto al rilascio ufficiale, quindi tutto ciò che leggerete in questo articolo sarà sicuramente parte integrante della prossima versione di Windows 10, conosciuta per ora con il nome RS4 o 1803. Riguardo alla funzionalità Windows Subsystem for Linux la componente che ha subito il cambiamento più importante è sicuramente il sistema di gestione dei permessi, che già dalla build 17063 ha visto un upgrade fondamentale; è stata poi aggiunta la possibilità di configurare attraverso un file di testo una serie di parametri da passare alla shell linux al momento dell’apertura.

La gestione dei permessi è sicuramente una delle caratteristiche più difficili da gestire nell’interazione tra Windows e WSL, poiché l’idea di avere un unico sistema su cui utilizzare indifferentemente comandi ed applicazioni Windows e Linux si scontra con le profonde differenze che ci sono tra i due sistemi da questo punto di vista. A segnare i confini tra un sistema e l’altro è sicuramente il filesystem, poiché l’NTFS di Windows non contempla l’esistenza dei “permission bits”, che sono invece alla base della gestione dei permessi sotto linux. Non mi dilungherò troppo nel dettaglio sulla gestione dell’accesso a file e cartelle da parte di linux; se qualcuno volesse approfondire questo argomento riporto un articolo molto esaustivo dal sito linux.com (https://www.linux.com/learn/understanding-linux-file-permissions). read more

Generazione di certificati SAN con Let’s Encrypt ed utilizzo in Microsoft Exchange

Come abbiamo già avuto modo di analizzare in articoli precedenti, Let’s Encrypt, in quanto CA, permette anche il rilascio di certificati di tipo SAN (Subjet Alternative Names), ossia certificati che sono emessi e quindi sono validi per più nomi host di uno stesso dominio oppure per nomi host differenti di domini differenti.

La possibilità di ottenere certificati come indicato, non è da confondere con l’emissione di certificati di tipo Wildcard (*) ossia di un certificato valido per tutti gli host di un singolo dominio read more

Configurazione dell’interfaccia utente di GLPI e FusionInventory

Glpi è, come abbiamo visto un prodotto completo ed estendibile tramite vari plug-in, ad esempio FusionInventory consente di realizzare partendo da GLPI un valido sistema di Sw ed Hw inventory aziendale. Abbiamo anche scritto una guida su come Integrare FusionInventory con GLPI v9.2.1 in ambiente Windows.

Recentemente la normativa AgID “Misure Minime di Sicurezza ICT” per la Pubblica Amministrazione ha imposto tra le varie implementazioni, anche l’adozione di un inventory automatico del Software intallato. GLPI e l’estensione FusionInventory permettono in modo assolutamente economico e perfettamente automatico di implementare questa funzione, e non avendo in questo caso, la necessità di utilizzare altre funzionalità proprie di GLPI, vediamo come è possibile gestirne l’interfaccia utente in modo da permettere la sola consultazione richiesta. read more