Archivi categoria: VMworld 2017 Europe

VMworld 2017 Europe – VMware vSAN

Facebooktwittergoogle_plusredditlinkedin

Il VMworld 2017 Europe è stato un grande successo il per il team vSAN a Barcellona. Abbiamo deciso di riassumere alcuni dei punti salienti dell’evento.

Una delle cose da sapere sul VMworld Europe è che ci sono stati così tanti spunti e tante situazioni in cui essere coinvolti, sia che si tratti di un CTO, che di un manager di infrastruttura o di un amministratore di sistemi. È incredibile come un evento possa ispirare tante diverse prospettive, e l’edizione del 2017 non è stata da meno.

Per prima cosa i numeri: 11.000 partecipanti, un nuovo record. Per lo stesso vSAN, come ha sottolineato Pat Gelsinger nel suo discorso di apertura, abbiamo più di 10.000 clienti, con un incremento di 100 a settimana. Abbiamo poi 12 partner vSAN Ready Node e due OEM che supportano vSAN in aggiunta a Dell VxRail, offrendo più opzioni di hardware di prima. read more

Il mercato del cloud è destinato all’anarchia?

Facebooktwittergoogle_plusredditlinkedin

A cura di Alberto Bullani, Regional Manager VMware Italia

Il cloud ibrido è ormai entrato a far parte della strategia di molte aziende. Flessibilità, libertà di scelta: i vantaggi sono numerosi, ma il livello di complessità può rivelarsi incompatibile con l’agilità richiesta. Si tratta di una questione importante, che riguarda tutte le aziende e che è stato uno dei temi principali del VMworld Europe, che si è svolto la scorsa settimana a Barcellona.

Applicazioni native per il cloud: una forza trainante per l’economia aziendale. Innovazione: è questo il concetto che spinge le aziende a continuare a crescere in un mondo in cui il digitale ha aperto la strada a una concorrenza vivace e dinamica. Le aziende, che prestano grande attenzione a nuovi servizi e nuovi utilizzi, stanno diventando vere e proprie fabbriche di applicazioni. Si stima che, entro il 2020, il numero delle applicazioni esistenti raggiungerà il miliardo. Le applicazioni moderne si sono dovute adattare tenendo in considerazione cloud e mobility e vengono definite “La definizione dei criteri per la distribuzione di tali applicazioni tra cloud pubblici e un cloud privato spetta alle aziende, che sono sempre più orientate verso una combinazione dei due tipi di cloud, il cloud ibrido. read more