Archivi tag: WLinux

Quel momento in cui Microsoft WLinux diventa Enterprise e tutto inizia a confondersi con RHEL

Di WLinux abbiamo ampiamente parlato in passato: basata su Debian e priva di systemd questa distribuzione era salita agli onori della cronaca per il fatto di essere in vendita presso il Microsoft store. Perché ne riparliamo oggi? Stiamo cercando di capirlo insieme a voi. La notizia certa riporta come sia uscita una versione Enterprise di WLinux al costo di 99 dollari. La non notizia, o quello che stiamo cercando di capire, è cosa c’entri questa distribuzione con Red Hat Enterprise Linux. Le notizie lette e gli annunci riportati sono molto confusionari nell’affermare come WLinux Enterprise SIA Red Hat Enterprise Linux per Windows 10, ma la realtà, come si può facilmente immaginare, è ben diversa. Ciò che ha messo in fibrillazione tutti è una voce riportata all’interno della descrizione del prodotto sullo store Microsoft: WLinux Enterprise is a Windows Subsystem for Linux (WSL) solution that is compatible with Red Hat Enterprise Linux. WLinux Enterprise è una soluzione Windows Subsystem per Linux compatibile con Red Hat Enterprise Linux Ora, ci vuole parecchia fantasia nell’affermare come una millantata compatibilità significhi in realtà installare WLinux Enterprise ed aspettarsi Red Hat Enterprise Linux. Ma rimaniamo sulla presunta “compatibilità”: cosa significa essere compatibili con una distribuzione [...]

Non fatevi distrarre dagli aggiornamenti in WSL: WLinux, la distribuzione OpenSource creata per Microsoft, è… Acquistabile.

In concomitanza con il rilascio dell’aggiornamento di Windows 10 di Ottobre 2018 (build 1809), Microsoft annuncia le novità introdotte in WSL (Windows Subsystem for Linux) in questo rilascio: aggiunta l’opzione “Open Linux shell here” al menu contestuale in Windows File Explorer; implementato finalmente il fix a Notepad per supportare i line endings di macOS e *nix; supporto copy and paste da/verso le console Linux e WSL, impostazione settabile indipendentemente per ogni shell; supporto a Chocolatey: un package manager open-source per Windows NT pensato per semplificare ed automatizzare le procedure di installazione software sulle macchine Windows. Alla base del suo funzionamento ci sono NuGet e PowerShell; aggiunto il supporto a OpenSUSE 15 e SLES 15; supporto ad Ubuntu 18.04 LTS per WSL su ARM. La notizia più interessante però riguarda WLinux, la prima distribuzione Linux specificatamente creata per Microsoft Windows 10. Come raccontato recentemente, WLinux è una distribuzione basata su Debian specificamente sviluppata ed ottimizzata per funzionare su WSL. Supporta anche applicazioni grafiche se usato con un client Windows X come X410, e rimuove i pacchetti non supportati, come ad esempio systemd. La distro è dedicata agli sviluppatori che potranno scegliere tra i vari editor: emacs neovim Visual Studio Code ed anche diverse [...]

WLinux, una distribuzione Linux basata su Debian e pronta per Windows WSL… senza systemd!

Avanti popolo! Non bastava l’annuncio di una nuova e rinnovata partnership tra Canonical e Microsoft volta a rendere migliore l’integrazione tra i due ambienti, ecco infatti che l’azienda Whitewater Foundry presenta WLinux, una distribuzione che si presenta, già dal nome, nativa dell’ambiente WSL. Basata su Debian, la distribuzione viene pubblicizzata dal creatore come ottimizzata per il sistema Windows Subsystem for Linux, in particolare per quanto riguarda l’ambito sicurezza, con piccoli pacchetti più semplici da aggiornare ed a minor rischio di incompatibilità. Ma il motivo per cui la distribuzione è balzata agli onori della cronaca è uno in particolare, nella pagina di presentazione viene chiaramente affermato: A handful of unnecessary packages, such as systemd, have been removed to improve stability and security. Un pugno di pacchetti inutili, come systemd, è stato rimosso per incrementare stabilità e sicurezza E se da un lato viene da sorridere, dall’altro ci si può iniziare a chiedere quale sia la vera natura di queste pseudo/meta/trovatevoiiltermine distribuzioni. Quale sistema di init usano? Systemd è ritenuto inutile, e ci può anche stare, ma con cosa è stato rimpiazzato? Al momento il repository git del progetto non permette di cercare risposte in merito, in quanto… uh… Vuoto! Che sia tutto uno scherzo architettato ad arte [...]